Si deve fare sesso solo per procreare!

sposiIl piacere durante il rapporto è vettore del peccato originale” S. Agostino.
La verginità appartiene al paradiso. Il matrimonio nacque dopo la caduta.” S. Girolamo
Qualsiasi atto matrimoniale deve rimanere aperto alla trasmissione della vita”(Humanae Vitae, par.11)

È ormai convinzione comune che questa visione estremista e distorta sul sesso sia di origine bibblica, e per questo viene spesso screditata l'autorevolezza della Bibbia.
Chi la pensa così però forse non si è mai accertato su cosa insegna realmente la Bibbia, che in realtà dice: "Invano continuano ad adorarmi, perché insegnano come dottrine comandi di uomini’" (Matteo 15:9).

Cosa insegna invece la Bibbia?

La Bibbia non si è mai espressa contro il sesso all'interno del matrimonio. Il comando che il nostro Creatore diede alla prima coppia umana fu semplicemente di essere fecondi e moltiplicarsi, senza nessun ulteriore vincolo. (Genesi 1:28; e 9:1)

In Proverbi 5:18-20 si legge: "Sia benedetta la tua fonte e rallegrati con la sposa della tua gioventù. Cerva amabile e gazzella graziosa, le sue mammelle ti soddisfino in ogni tempo, e sii continuamente rapito nel suo amore. Perché mai, figlio mio, invaghirti di una donna adultera e abbracciare il seno di un'estranea?"

In questo brano si nota chiaramente che ad essere condannato da Dio è il tradimento e non i normali momenti di intimità della coppia sposata.

Anzi l'apostolo Paolo consiglia l'esatto opposto, di non astenersi dal sesso, infatti in 1° Corinzi 7:2-5 leggiamo: "tuttavia, per il pericolo dell'incontinenza, ciascuno abbia la propria moglie e ogni donna il proprio marito. Il marito compia il suo dovere verso la moglie; ugualmente anche la moglie verso il marito. La moglie non è arbitra del proprio corpo, ma lo è il marito; allo stesso modo anche il marito non è arbitro del proprio corpo, ma lo è la moglie. Non astenetevi tra voi se non di comune accordo e temporaneamente... e poi ritornate a stare insieme, perché satana non vi tenti nei momenti di passione."

Alla luce di quanto detto, anche la condanna di metodi di controllo delle nascite non abbortive, come il preservativo, non trova riscontro nella Bibbia.

Teorie sul frutto proibito

Alcuni sostengono che in realtà il comando di non mangiare il frutto proibito si riferisse all'aspetto sessuale.

Genesi 3:6, però sottolinea che quando Eva mangiò il frutto era sola, e solo successivamente ne diede a suo marito. L’albero su cui cresceva il frutto proibito era evidentemente letterale.

Ciò che la Bibbia vieta non sono i normali rapporti sessuali fra marito e moglie, ma pratiche come fornicazione, adulterio, omosessualità, bestialità, pedofilia... I cattivi frutti di queste pratiche mostrano che la proibizione è un segno di amorevole interessamento da parte di Colui che sa come siamo fatti, e non un divieto.

L'insidia di questa buggia

Tale informazione distorta è annoverabile tra le tante volte a convincerci che Dio stia privandocci di molte cose buone (stessa tecnica riuscita per far infrangere l'integrità di Eva), e che quindi è troppo impegnativo seguire i suoi consigli.

Inoltre, tale buggia sporca la nostra percezione sullo straordinario provvedimento di Dio per le coppie sposate.